Annunci

Avviso sull'istituzione dell'albo delle imprese di fiducia
Leggi tutto...
 
S.G.A.T.E.: Le famiglie disagiate possono risparmiare da 60 a 135 Euro all'anno.
Leggi tutto...
 

DIsponibili i virtual Tour degli Archi di Pasqua

Leggi tutto...
 

Login Form

Iscriviti al sito per ricevere notizie su pubblicazioni e avvisi.





Password dimenticata?
Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che gli utenti conferiscono all’atto della loro iscrizione sono obbligatori al fine di far fronte alla vostra richiesta. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 . Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è il comune di San Biagio Platani.
powered_by.png, 1 kB
Home arrow News arrow Manifestazione
Manifestazione PDF Stampa E-mail
Manifestazione contro la privatizzazione dell'acqua
Manifestazione di protesta oggi 11 novembre davanti al Palazzo comunale di San Biagio Platani, al fine di impedire la consegna degli impianti idrici alla Girgenti Acque.
 
Nonostante l’ARS abbia approvato ad unanimità due ordini del giorno che chiedono di sospendere la consegna delle reti idriche e la nomina dei commissari, il consorzio ATO di Agrigento ha chiesto ai comuni contrari alla consegna degli impianti di consegnare gli impianti alla Girgenti Acque.
 
Tale decisione, oggetto della manifestazione odierna, è stata giudicata abbastanza strana da quanti intervenuti, specie se si considera che si è ancora in attesa della sentenza del CGA proprio sulla legittimità dell’affidamento a Girgenti Acque, e dal momento che all’ARS c’è un disegno di legge contrario alla privatizzazione dell’acque, che ha già ottenuto il sostegno dei capigruppo e della presidenza.
 
Nonostante ciò L’ATO Idrico di Agrigento per oggi, 11 novembre 2009, aveva previsto una visita a San Biagio Platani per la consegna degli impianti.
Per tale ragione si è tenuta una manifestazione per impedire la consegna degli impianti.

Erano presenti molti tra sindaci, presidenti dei consigli comunali e comitati cittadini delle province di Agrigento e Caltanissetta oltre all’intero Consiglio comunale di San Biagio Platani.
 
Sul fatto che il tema è molto sentito, la conferma della presenza massiccia di tutta la cittadinanza, con scuole ed esercizi commerciali chiusi. Insomma un intero paese a dire no alla privatizzazione dell’acqua. Ma a giudicare dalla presenza di molti sindaci e rappresentanti dei comuni dell’agrigentino e del nisseno oggi hanno detto no in molti di più.
 
La manifestazione è stata seguita da un consiglio comunale aperto che, facendo proprie le parole di BENEDETTO XVI contenute nell’enciclica CARITAS IN VERITATE si è impegnato a modificare lo Statuto Comunale:
 
• riconoscendo il diritto umano all’acqua, ossia l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune pubblico;
• riconoscendo che la gestione del servizio idrico integrato è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, in quanto servizio pubblico essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini;
• promuovendo nel proprio territorio una Cultura di salvaguardia della risorsa idrica e sostenendo ogni iniziativa rivolta alla ripubblicizzazione del Servizio Idrico Integrato;
• aderendo e sostenendo le iniziative del Coordinamento nazionale “Enti Locali per l’Acqua Bene Comune e per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato” recentemente costituitosi nell’ambito della Campagna Acqua Bene
Comune che il Forum Italiano Movimenti per l’Acqua sta portando avanti da circa tre anni.
 
Già sabato 7 novembre si è svolta a Caltanissetta presso l’Aula del Consiglio Provinciale, l’Assemblea Regionale del Coordinamento degli Enti Locali per l’Acqua Bene Comune aperta alla partecipazione dei Movimenti del Forum Siciliano, mentre venerdì 13 novembre si manifesterà a Menfi e lunedì 16 Novembre a San Giovanni Gemini.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
< Prec.   Pros. >
© 2017 Comune di San Biagio Platani
Il paese degli Archi di Pasqua e Architetture di Pane